Leak | Passato e futuro si incontrano | Tecnofuturo Srl
256
post-template-default,single,single-post,postid-256,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.8.5,woocommerce-no-js,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode_disabled_responsive_button_padding_change,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-27.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive
 
B L O G

Leak | Passato e futuro si incontrano

Leak tecnofuturo

Leak | Passato e futuro si incontrano

Lo stile retrò ha sempre un grande fascino, e Leak sa interpretare perfettamente questa tendenza.
Nel 2020 il gruppo IAG ha infatti presentato il ritorno dello storico marchio, ridefinendo il design e creando una commistione tra classico e moderno, rispondendo così alle nuove esigenze del mercato.

Leak ha reso possibile questo “ritorno al futuro” mantenedo lo stile art deco e la qualità audio che caratterizzano il marchio ed offrendo inoltre una compatibilità audio multimediale diversificata. Inserendo tecnologie quali usb, bluetooth e quindi rendendo i dispositivi non più solo analogici ma anche digitali.
Per gli appassionati di audio moderni che amano lo stile vintage.

La sintesi di questo approccio e della vision di Leak è lo STEREO 130. 
Il design è ispirato allo Stereo 30 creato da Leak nel 1963, il primo amplificatore completamente a stato solido lanciato sul mercato. Leak ha voluto onorare questo storico prodotto mantenendo il caratteristico design con l’involucro in legno, ma non solo, ne sono stati ripresi gli aspetti progettuali, abbinandoli a tecnologie più avanzate.

Lo Stereo 130 dispone infatti di modulo Bluetooth e di un convertitore D/A ES9018K2M della linea Sabre32 Reference, dotato di architettura HyperStream e tecnologia Time Domain Jitter Eliminator.

Non solo prodotti Hi-Fi di alta qualità, ma anche autentici oggetti di design ispirati allo stile vintage perfetti per gli audiofili amanti dello stile retrò. Quando nel 1963 Leak creò lo Stereo 30, non poteva lontanamente immaginare che una ventina di anni dopo la musica si sarebbe potuta ascoltare anche tramite un dischetto lucente di 12 cm di diametro, il cd, che oggi, nonostante la prepotente crescita dei metodi di ascolto smaterializzati come downloading o streaming, ancora rappresenta una buona fetta della discoteca degli audiofili, ed allora insieme allo Stereo 130, Leak ha introdotto la meccanica di lettura CDT, ovviamente in stile rigorosamente retrò come il compagno.